INCENTIVI FISCALI PER IMPRESE E PRIVATI IN GEORGIA

QUALI SONO I VANTAGGI DI  RESIDENZA FISCALE IN GEORGIA?

IN ALTRE PAROLE IN GEORGIA NON PAGHI LE IMPOSTE SUL REDDITO GLOBALE, MA SOLO SUI PROFITTI DA FONTI LOCALI

La tassazione è un altro importante vantaggio della Georgia. Il paese ha un sistema fiscale semplice e comprensibile, che non ha analoghi né nei paesi della CSI né nei paesi vicini. Per aumentare l'afflusso di investimenti e creare un'immagine positiva della Georgia tra i rappresentanti del business internazionale, la leadership del paese ha anche creato zone speciali con tasse ridotti. Il significativo progresso nello sviluppo del sistema fiscale del paese è dimostrato dal fatto che nella valutazione corrispondente della Banca Mondiale la Georgia si colloca al 16 ° posto tra tutti i paesi del mondo.

Prima della riforma, in Georgia erano in vigore 22 tasse, il che  notevolmente ostacolato lo sviluppo delle imprese. Oltre a ridurre il numero di tasse, la leadership del paese ha anche ridotto l'entità delle aliquote fiscali, ad esempio l'entità dell'imposta sul reddito è stata ridotta dal 20% al 15%, l'imposta sul reddito è stata combinata con i contributi previdenziali e, di conseguenza, le detrazioni dai salari sono scese dal 32% al 20%. Tutto ciò ha notevolmente migliorato il clima degli investimenti nel paese.

Imposta sul reddito in Georgia

e incentivi fiscali

L'imposta sul reddito viene trattenuta dagli stipendi dei residenti in Georgia. Inoltre, gli stranieri sono tenuti a pagare le tasse sui profitti derivati ​​da fonti locali.

Ai sensi dell'art. 82 del codice fiscale in Georgia sono esenti da imposta, reddito:

  • ricevuto da un non residente dal lavoro in istituzioni diplomatiche e simili;

  • sovvenzioni;

  • assistenza finanziaria per lasciare organizzazioni di beneficenza;

  • premi in denaro ricevuti dagli atleti dalla partecipazione a competizioni sportive;

  • cibo;

  • beni ricevuti al momento del divorzio;

  • redditi da vendita di case con terreno di proprietà da più di 2 anni;

  • reddito derivante dalla vendita di un'auto di proprietà da più di sei mesi;

  • reddito degli occupati in agricoltura dalla vendita di prodotti agricoli, se il reddito annuo non supera i 200.000 lari;

  • vincite alla lotteria non superiori a GEL 1.000;

  • Solo la tassa sulla proprietà è una tassa locale, tutte le altre tasse sono nazionali. 


L'imposta sul reddito delle persone fisiche su interessi, dividendi e royalties è solo del 5%. In Georgia non ci sono tasse sui salari, sulla sicurezza sociale, sulle plusvalenze, sul patrimonio o sulle successioni.

Solo la tassa sulla proprietà è una tassa locale, tutte le altre tasse sono nazionali. L'imposta sul reddito delle persone fisiche su interessi, dividendi e royalties è solo del 5%. In Georgia non ci sono tasse sui salari, sulla sicurezza sociale, sulle plusvalenze, sul patrimonio o sulle successioni.

 LE ZONE FRANCHE IN GEORGIA

 

HUALING KUTAISI FREE INDUSTRIAL ZONE (KFZ)

Ad ottobre 2015 in Georgia è stata aperta una nuova zona franca industriale – Hualing Kutaisi Free Industrial Zone (KFZ), situata nella città di Kutaisi ed estesa su una superficie di 36 ettari. Fortemente sostenuto dal Governo georgiano, il Memorandum tra Hualing Group e il Ministero dell’Economia e dello Sviluppo Sostenibile della Georgia era stato firmato già nel 2009, ma soltanto nel 2015 è stato ottenuto lo status di zona franca.

La KFZ è situata in un punto strategico del Paese: a 100 km dal porto di Poti (mar Nero), a 160 km da quello di Batumi, a XX km dalla capitale, Tbilisi, con accesso diretto alla principale autostrada del Paese, alla ferrovia e vicinissimo all’aeroporto internazionale di Kutaisi. Tutti elementi per diventare una piattaforma industriale, logistica e commerciale di primo piano nella Regione.

Attualmente nella KFZ operano aziende con diversi tipi di attività commerciale: lavorazione di legno e pietra, produzione di mobili, materassi e materiali edili. Aperta 24 ore al giorno e con una propria sezione per lo sdoganamento delle merci, i principali punti forti della KFZ sono:

  • un’ampia scelta di edifici di diversi tipi e misure;

  • tariffe uniche di leasing;

  • operazioni di business semplici ed economiche (simple & cheap business operations);

Accesso alla forza lavoro della città e dell’intera regione (qualificata e a basso costo). La maggior parte dei lavori infrastrutturali sono stati completati e la KFZ invita le compagnie offrendo i terreni e gli edifici già pronti per l’utilizzo sia come magazzini che per uso industriale. È anche in programma uno sviluppo ulteriore della zona franca per rispondere ancor più alle esigenze delle imprese registrate.

 

In linea con la legislazione georgiana, la KFZ offre una serie di vantaggi fiscali per le aziende che sono registrate nella Zona, fra cui:

  • esenzione imposte sull profitto e proprietà;

  • esenzione tasse sui dividendi;

  • esenzione IVA;

  • esenzione dei dazi per importazione ed esportazione.

 

TBILISI FREE ZONE (TFZ)

 

La Tbilisi Free Zone (TFZ) è l’unica zona franca industriale situata nella Georgia dell’Est. La TFZ occupa 17 ettari di superficie, divisi in 28 lotti individuali, a 17 km a nord della Capitale. L’intera area ha un accesso diretto al più grande bacino di forza di lavoro della Georgia, vicino alla principale autostrada del Paese, all’aeroporto di Tbilisi (30 km).

La TFZ è principalmente votata ad accogliere società orientate all’esportazione che svolgano la propria attività in settori quali la produzione ad alta tecnologia, il commercio e i servizi, la produzione industriale leggera, logistica, magazzini/stoccaggi, ecc.

Nella zona franca industriale l’impresa può essere istituita sia da persone individuali (locali e/o stranieri), che dalle entità legali locali e/o straniere. La registrazione dell’impresa avviene con le procedure ordinarie e in un solo giorno lavorativo dalla consegna di relativi documenti.

I vantaggi che la TFZ offre agli operatori:

  • Infrastruttura affidabile;

  • Basso prezzo di affitto;

  • Idoneità del certificato d’origine del Paese;

  • Soluzioni chiavi in mano;

  • Basso costo dell’elettricità;

  • Accesso all’80% della forza lavoro della Georgia;

  • Costi bassi sulle licenze e procedure agevolate;

  • Costi bassi sulle utenze e comunicazioni;

  • Servizio di gestione della struttura (facility management).

 

I lotti dei terreni possono essere concessi alle aziende interessate per un periodo di 50 anni. La configurazione unica dei terreni dà la possibilità di unire i lotti senza chiudere l’accesso al trasporto e alle comunicazioni.

Nella zona franca, ai sensi della legislazione georgiana, ci sono diversi tipi di attività commerciali che non richiedono il rilascio della licenza da parte dell’Amministrazione della TFZ.

 

Un riepilogo di queste attività:

Senza licenza:

  • Produzione / lavorazione dei prodotti alimentari per i neonati e bambini;

  • Produzione / trasmissione / distribuzione di elettricità;

  • Distribuzione / trasporto di gas naturale;

  • Transito di prodotti destinati al controllo veterinario;

  • Servizi di trasporto dei passeggeri locali;

  • Spedizioni internazionali di prodotti destinati al contingente internazionale;

  • Ricerca clinica e produzione dei prodotti farmaceutici (prodotti medicali esclusi prodotti stupefacenti);

  • Attività farmaceutiche di primo e secondo gruppo;

  • Commercio generale;

  • Commercio speciale (restrizione a certi tipi di attività);

 

Con licenza:

  • Produzione generale;

  • Produzione IT / licenza di servizio;

  • Prestazione di consulenza;

  • Prestazione di servizio generale;

  • Prestazione di servizio finanziario (incluso esercizio delle attività pericolose; attività bancaria);

  • Logistica;

  • Magazzino / stoccaggio.

 

I vantaggi fiscali offerti alle aziende interessate a svolgere la propria attività nella TFZ sono:

  • L’impresa è esente dalle tasse sul profitto della società;

  • Interessi e dividendi pagati dall’impresa

  • non sono tassabili e non vengono inclusi nei redditi tassabili di beneficiario (destinatario);

  • Il commercio tra le imprese nella zona franca industriale è esente dall’IVA;

  • L’impresa non ha nessun obbligo di amministrare le imposte sui redditi personali dei dipendenti;

  • L’impresa non è responsabili a pagare il reverse charge IVA (RCVAT);

  • L’attività di esportazione è esente dall’IVA a titolo di credito d’imposta;

  • Proprietà, incluso il terreno, situata nella zona franca industriale è esente dalla tassazione sulla proprietà;

  • Il commercio tra un’impresa registrata nella zona franca e la compagnia georgiana è soggetta a tassazione al 4% del valore della fattura.

Alla luce di quanto sopra indicato le aziende potrebbero fare i seguenti significati risparmi:

  • Imposta sul profitto – 15% della base di profitto tassabile;

  • Imposta sulla proprietà – 1% del valore

  • medio contabile della proprietà (average book value of property);

  • Dazzi per importazione – fino al 18% del valore di importazione;

  • IVA – 18%;

  • Tassazione dei dividendi – 5%.

 

POTI INDUSTRIAL ZONE

La Zona Franca Industriale di Poti (PFZ) è la prima zona franca industriale creata nel Paese. È di proprietà della società RAKIA Georgia Free Industrial Zone LLC fondata da RAK Investment Authority (RAKIA), operativa dal 2011.

Estesa su un’area di 3.0 milioni m2, la maggior parte della zona franca è particolarmente adatta per attività industriali e logistiche e può ospitare aziende operanti sia nell’industria leggera che in quella pesante (incluso lavorazione chimica e dei metalli).

Con la sua posizione strategica lungo la nuova Via della Seta (collegata via mare, ferrovia, autostrada a reti internazionali e regionali), posizionata tra il Mar Nero e la regione del Caspio, la PFZ ha un ruolo prioritario nella regione. La vicinanza al porto di Poti rende la zona un punto attraente per i potenziali investitori.

Per le aziende che operano nella PFZ c’è l’esenzione totale delle imposte su: importazioni, IVA, profitto dell’azienda, dividendi, tasse di proprietà, reddito personale. Inoltre l’Area mette a disposizione anche dei servizi per la registrazione delle aziende “chiavi in mano”.

All’interno della PFZ si posono svolgere le seguenti attività:

  • Produzione;

  • Commercio generale e di prodotti speciali;

  • Stoccaggio;

  • Servizi di consulenza;

  • Servizi di supporto al business;

  • Servizi finanziari inclusa attività bancaria (funzionamento del sistema bancario e istituti finanziari);

  • Logistica (servizi di trasporto, spedizioni);

  • Costruzione (costruzione fisica nella zona franca di Poti).

 

Pertanto possono essere registrate le seguenti entità legali:

  • Società a Responsabilità Limitata;

  • Società in nome collettivo;

  • Società in accomandita;

  • Società per Azioni.

L’infrastruttura della zona franca industriale è ben sviluppata. La Zona offre prezzi competitivi per l’affitto dei terreni, basto costo dell’elettricità e dell’acqua, sorveglianza 24 ore al giorno, magazzini per lo stoccaggio di misure standard, sistemi infrastrutturali e antincendio di standard europeo, servizi amministrativi fra cui segreteria e interpretariato. Inoltre nella PFZ sono operanti due uffici doganali aperti tutti i giorni 24 ore su 24.